Eugenia Pinna

 

Nata a Nule (SS) dove attualmente vive e lavora. Si diploma a Torino, frequenta l’università a Sassari, nel 1987 vince una borsa di studio per accedere alla frequenza dell’Istituto Europeo di Design a Cagliari dove si diploma nel 1992 in Design per l’Artigianato, nella tesi disegna la sua prima collezione di tappeti. Lavora da più di 20 anni come libera professionista nel campo del design tessile e in particolare del tappeto, reinterpretando in chiave moderna la tradizione tessile del suo paese d’origine. Ha vinto importanti premi in ambito regionale per l’originalità e la ricerca tecnica dei suoi manufatti. Ha al suo attivo la partecipazione a varie mostre e manifestazioni in diverse città italiane, dove espone le sue collezioni. I suoi clienti sono principalmente collezionisti. Eugenia Pinna è presente nel gruppo dei designer Domo 2009, al quale l’ADI ha conferito il Compasso d’Oro 2011.

 

 

Nei massicci montuosi dell'Africa settentrionale, ogni casa ha il suo telaio rudimentale: due travi di legno sorrette da due aste verticali.

La trave superiore è chiamata la trave del cielo, mentre quella inferiore rappresenta la terra. Queste quattro travicelle simboleggiano l'universo.

Corsi 2020

 

Gennaio

Tappeti

ven 24 - sab 25 - dom 26

 

Febbraio

Cesteria

domenica 2

Pettine liccio

ven 7 - sab 8 - dom 9

 

Il nostro indirizzo

Via Filippino Lippi 26 - 20131 Milano

per i corsi

info@tessereincontri.org

per prodotti Ashford

ashford.info@tessereincontri.org

Le parole del mese

 

Ma ecco, vorrei gridare a tutti ‑ attraverso i colpi di martello che si alzano come una dolorosa musica da ogni parte dell'orizzonte ‑, vorrei gridare: lasciate che gli uomini tutti creino qualcosa, con le loro mani, o la loro testa, in tutte le età, e soprattutto nella primissima; che im­parino le misteriose leggi della struttura e composizione estetica ‑ prima di ogni altra legge ‑ se avete a cuore libertà e società su questa meteora rapidissima che è il vivere. Introdu­cete l'Estetica e le sue leggi nell'ottuso e pri­gioniero vivere umano. Avrete introdotto li­bertà ‑ sospensione del dolore ‑, eleganza, dolcezza.

 

Anna Maria Ortese, Corpo celeste, 1997

Stampa Stampa | Mappa del sito
© tessere incontri Via Filippino Lippi 26 20131 Milano Partita IVA: